Vai al contenuto

A Scuola di… Voga – “Giornate dello Sport 2018”

Si sono concluse oggi le due giornate dedicate allo Sport indette dalla Regione Veneto e patrocinate dalle sezioni locali del Coni: 80 bambini delle elementari, classi 4 e 5, e 50 delle medie, hanno incontrato, giovedì e venerdì gli istruttori della Scuola del Remo, per una lezione dimostrativa e per un giro sulle palio.

Sorrisi ed entusiasmo sia nell’aula magna delle scuole elementari, dove i bambini hanno potuto provare i primi movimenti di questo sport, ed oggi, presso la sede della SDR con l’uscita con le prime classi della scuola media.

 

 

“Abbiamo incontrato un gran numero di giovani,” dice Pierfrancesco ” spero che i semi piantati oggi possano germoliare…..se venissero già 3 o 4 ragazzi sarebbe un grande risultato”

E noi lo auguriamo: il buon impegno va sempre ripagato.

 

*****************************

Di seguito l’intervista fatta in occasione dell’adesione alle “Giornate dello Sport”, pubblicata, in estratto, su l’Arena di Mercoledì 14 febbraio, afirma Ufficio Stampa SDR e  e Barbara Bertasi

Dopo i festeggiamenti per i suoi dieci anni, compiuti nel 2017, la Scuola del Remo – Voga alla Veneta Garda, associazione che da anni promuove la disciplina della Voga in Piedi a livello provinciale e interregionale è pronta a puntare sui giovani.

Il 2018 porta molte le novità all’associazione presieduta da Pierfrancesco Maffezzoli: dalla nuova zona alaggio per le le imbarcazioni Palio, vicino la sede della Lega Navale, alle trattative con l’Amministrazione per un locale ad uso stabile come sede societaria, alla crescita del Settore Giovanile.

Da poco più di un anno la Scuola del Remo ha, infatti ampliato la propria attività organizzando corsi destinati a giovani e giovanissimi atleti, condividendo in maniera puntuale i valori e le direttive della Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso (FICSF), alla quale la Scuola del Remo è iscritta.

“Abbiamo fatto un enorme passo in avanti” sottolinea Maffezzoli “ nel 2010 il mondo della Voga in Piedi ha volto la sua attenzione alle atlete di sesso femminile, fino ad allora escluse da tale pratica, ora ci troviamo impegnati nella costruzione di un settore giovanile che possa regalarci un grande futuro”. Lo scorso anno si sono tenuti i primi, sperimentali corsi di voga per giovani atleti dagli 8 anni in su: un lento avvio che però permette, oggi alla Scuola del Remo di contare ben 13 atleti, dai 9 ai 16 anni.

“Non è un lavoro semplice” continua Maffezzoli “ innanzitutto lo sport che pratichiamo è uno sport poco famoso, direi quasi di nicchia, meno attraente, agli occhi un bambino di quanto possano essere ad esempio il calcio o la pallavolo. Per questo motivo tanto impegno lo mettiamo di promozione, con incontri presso gli istituti scolastici, giornate di prova gratuita, o con l’organizzazione di piccole regate, esclusivamente dedicate ai giovani ( due esempi sono la gara del Pesciolino d’Oro, che si svolgerà il prossimo 8 aprile, quest’anno alla sua seconda edizione e il secondo Palio dei Giovani, che anche quest’anno, per il secondo anno andrà ad arricchire la settimana sportiva di Ferragosto, assieme al Palio in Rosa e quello dell’Assunta)”.

Se da un lato l’impresa è carica di soddisfazioni, alla Scuola del Remo sono ben consapevoli di quanto essa sia impegnativa: pur mantenendo intatta l’identità di “gruppo”, la definizione di ruoli e mansioni permette di lavorare in sinergia, con lo scopo comune di veder riconosciuta la fiducia degli atleti, dei loro genitori e degli sponsor che da anni collaborano.

Il Settore Giovanile vuole diventare il fiore all’occhiello della società gardesana e strutturalmente questo ha richiesto nel tempo un riassetto naturale dell’associazione:”I nostri giovani e le loro famiglie possono contare su un’organizzazione ben definita, a partire da una segreteria che coordina il settore giovanile, due istruttori federali di II° livello responsabili del settore tecnico, coadiuvati da un gruppo di istruttori di I° livello e volontari”.

Grazie ad un accordo con l’amministrazione comunale, da gennaio, l’associazione usufruisce di una sala, nella quale, settimanalmente i ragazzi hanno la possibilità di migliorare le proprie capacità motorie, di coordinazione ed equilibrio: “ sono collaborazioni importanti, con personale altamente qualificato che segue i nostri ragazzi anche da un punto di vista fisico/strutturale; uno fra tutti il dr. Giulio Giacomelli, Biomeccanico Funzionale ed Osteopata, al quale abbiamo affidato l’incarico delle misurazioni e degli screening antropometrici degli atleti durante la loro fase di crescita. Va bene l’attività agonistica, ma soprattutto con i giovani è fondamentale l’attività preventiva.”

Quello della voga sembra proprio uno sport che fa bene e che alla Scuola del Remo vogliono fare bene: quello che sta a cuore è trasmettere la passione per questo sport di origine antica, cuore pulsante della tradizione gardesana, permettendo ai giovani di conoscere e mettersi a confronto con i reali valori dello Sport: divertimento, sacrificio, lealtà e spirito di squadra.

Ovviamente Rossoblu’. Per chi volesse provare, i corsi della Scuola del Remo si tengono la domenica mattina, alle ore 09.15, per adulti e ragazzi e il martedì, dalle ore 17.30 solo per under 18. Tutte le informazioni si possono trovare sul sito internet www.scuoladelremogarda.it o sulla pagina Facebook dell’associazione.